24 ore per il Signore – un grazie ai presenti

misericordia del Signore 2014_1Il vegliare è un’esperienza umana antica quanto l’uomo. E’ un’esperienza religiosa che fu decisiva per il popolo d’Israele nella sua “notte dei prodigi”. Ed è l’esperienza anche di Dio, di un Dio che la storia della salvezza l’ha costruita di notte come afferma il celebre “poema delle quattro notti” e di un Dio che in Cristo ha voluto sperimentare come uomo il vegliare intere notti in ardente orazione. È l’esperienza che abbiamo vissuto come capi della Zona e alcuni RYS durante le “24 ore per il Signore” nella cattedrale di Lecce.

Grazie di cuore ai 33 tra capi ed RYS presenti in cattedrale dall’1.00 alle 2.00 della notte di sabato 29 marzo, che hanno pregato insieme a tutta la Chiesa di Lecce per tutti i capi, i ragazzi e le loro famiglie della nostra Zona affidando a Dio sogni e progetti.

Mi viene una riflessione: Alessandro Magno aveva 33 anni quando – all’apice assoluto del mondo – è morto, trasformandosi da personaggio storico in leggenda. Giulio Cesare fino ai 33 anni non aveva combinato nulla di buono, poi – proprio a 33 anni – si è messo a conquistare il mondo. Per chi crede, Cristo è risorto – guarda caso – a 33 anni… anche noi eravamo 33 e, forse, è arrivato il momento giusto per compiere come Zona un salto di qualità.

Quest’esperienza deve ricordare, prima di tutto a noi, che abbiamo bisogno di annuncio, che abbiamo bisogno di camminare, di fermarci e sostare insieme, di condividere la fede per crescere.

Se Dio avesse voluto cristiani soli e solitari non avrebbe “inventato” la Chiesa e noi abbiamo fatto nella notte un’esperienza di Chiesa.

…qualcuno veglia, qualcuno attende…

Buona strada!

Per il Comitato di Zona – Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *