Giornata della Memoria – 2013

memoria 2013

“Vogliamo che gli uomini della prossima generazione si considerino fratelli.” Baden Powell

“Ecco la difficoltà di questi tempi: gli ideali, i sogni, le splendide speranze non sono ancora sorti in noi che già sono colpiti e completamente distrutti dalla crudele realtà.È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell’intima bontà dell’uomo. Mi è impossibile costruire tutto sulla base della morte, della miseria, della confusione. Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte il rombo l’avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo, penso che tutto volgerà nuovamente al bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l’ordine, la pace e la serenità.” Anna Frank – Diario


Iniziamo questa riflessione nella GIORNATA DELLA MEMORIA con le parole di Baden Powell e di Anna Frank, entrambi hanno vissuto i conflitti che hanno devastato il secolo scorso. B.-P. da “spettatore”, la giovane Anna Frank da vittima, ma entrambi hanno sempre conservato la speranza e la fiducia nell’umanità e il sogno di un futuro di pace e di fratellanza. Sta a noi, che in qualche modo abbiamo raccolto il testimone da B.-P., far sì che quel suo sogno possa un giorno avverarsi.

Bisogna sempre mantenere viva la memoria sul passato. L’apertura dei cancelli di Auschwitz rivelò definitivamente al mondo l’orrore di un progetto folle, premeditato e pianificato che non deve essere dimenticato perché sia a tutti di monito.

Dobbiamo essere capaci di “fare memoria”, che significa non solo custodire, ma anche rielaborare un ricordo, trasformarlo in principio e fondamento dell’agire, in motivazione etica: memoria non è solo conservazione, ma è sempre anche costruzione.

“Ricordati di ricordare!” sta scritto nella Torah, “Fate memoria” è il comando lasciato da Gesù ai suoi, l’esercizio della memoria non è dunque qualcosa di periferico bensì di essenziale perché solo da una trasmissione di memoria si rintracciano le radici della propria storia individuale e collettiva, solo conservando la memoria ci si colloca nella storia con consapevolezza, solo nel rinnovamento della memoria si accresce la propria responsabilità.

Fare memoria costruisce la nostra identità di persone immerse in un contesto di relazioni, definisce le categorie spazio-temporali della nostra storia personale e sociale, fornisce le radici per poter spiccare il volo, per poter progettare il futuro, potremmo quasi dire con le parole di B.-P. che fare memoria significa lasciare il mondo migliore di come lo abbiamo trovato.

Lori, Antonio, don Mimmo, Stefano, Sara, Federica, Rosi

Messaggio Giornata Della Memoria 2013
Messaggio Giornata Della Memoria 2013
messaggio giornata della memoria 2013.pdf
883.4 KiB
135 Downloads
Dettagli...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *