Giornata di lutto nazionale

Tremulaterra e spacca lu core,
c’è timu fattu Nostro Signore?

Spientri paisi, distruggi città
e pe ranni e piccinni nu tieni pietà.

Nu te ‘llutere sai, qua bbasciu lu sapene lu percè,
ete ca facimu finta ca naura ragione nuncè.

sennò comu sangu ete ca a notte funna
la terra se spacca e la casa spunna,
lassannu a dri picca te bona volontà
discrazie lacrime e ‘ncredulità.

Timme tie se sta iannu
o sta pensu a nauru ngannu,
certu ete ca cu tuttu lu core
autru nu possu ca cu te precu pe lu iutu e l’amore.

na lliatu lu suennu
pensane moi ca nimu bisuegnu.

 

(Francesco De Pascalis)

Il dolore è parte della vita di ognuno di noi , ma a volte facciamo in modo che non ci appartenga, nel vedere scorrere le immagini e conoscere le storie dei sopravvissuti, come Associazione che serve in educazione, non troviamo altre parole che non quelle di questo nostro amico salentino che nel nostro dialetto, la lingua delle nostre radici, la lingua del cuore, fa esplodere quel grido di dolore per tutte le vite spezzate dal sisma che ha colpito l’Italia centrale.
Le tante vite interrotte, specie quelle dei più giovani, lasciano in noi tanti perché, però la fede nel sepolcro vuoto di Cristo Risorto non ci toglie il dolore o lo sconcerto per l’accaduto, ma ci dona il faro della Speranza che sola non delude.
Nel rinnovare il nostro impegno educativo, strumento per costruire il futuro per le giovani generazioni, cerchiamo di essere testimoni di speranza anche nel dolore, certi di combattere la “buona battaglia”.

AGESCI – Comitato Zona Lecce Adriatica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *