Natale 2011

Carissimi,

tra la gente semplice con scarse o poche risorse, sempre più numerosa, c’è tanto timore, quasi paura, pensando al domani, per sè e per i propri figli. C’è buio all’orizzonte , notte fonda, la crisi che ormai permea tutte le nostre attività quotidiane, eppure, per un credente, non c’è posto per la paura. Oltre le nebbie dell’umano e del presente, il suo sguardo si incontra con quello di un Dio che assicura salvezza, un futuro di speranza, nonostante i disastri creati dalla sua creatura prediletta .

Anche duemila anni fa c’era una società sull’orlo della distruzione, per la schiavitù dei molti, per lo strapotere dei pochi. Tutto era nel disordine, nella disgregazione senza alcuna speranza, eppure, ecco l’annuncio di una salvezza certa, il capovolgimento della situazione : una fanciulla in attesa in un villaggio sperduto, una misera grotta ai margine del deserto, un bambino, debole e fragile, povero ed emarginato . Era Dio che non può mai abbandonare le sue creature . Da quella notte di mistero, Dio assicura la sua costante presenza e rassicura che la salvezza è sempre possibile, che noi con Lui possiamo superare ogni ostacolo, vincere ogni paura. Non si potranno eliminare difficoltà e ostacoli, preoccupazioni e timori, rinunce e sacrifici, ma, il Natale ci insegna : è dalla povertà di Betlemme, che nasce la certezza di una speranza di salvezza .

Il Natale sia il momento indicato per fare il bilancio del nostro servizio, non solo delle nostre azioni, ma anche della nostra disponibilità d’animo a donare qualcosa sempre, 365 giorni all’anno. La domanda che si fa augurio potrebbe essere: quanto l’Amore si è incarnato nelle mie mani? In che modo l’ho reso vivo? Perchè non è vero che a Natale dobbiamo essere più buoni. A Natale dovremmo invece trovare significato della nostra bontà quotidiana.

Buon Natale nella gioia del Signore che viene e un sereno 2012

Lory, Antonio, don Mimmo, Pasquale, Stefano, Sara, Federica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *