Progetto ambiente: impresa reparto “Icaro” Lequile 1, 3 ottobre 2018

Il reparto “Icaro” del Lequile 1 il 3 ottobre scorso ha consegnato alla cittadinanza il frutto della sua ultima impresa. Dopo aver scrutato il paese in lungo ed in largo, alla ricerca di uno spazio da rivitalizzare, hanno trovato questa piccola villetta: recente, quanto a costruzione, ma profondamente trascurata. L’entusiasmo non mancava, la voglia di lasciare il segno nemmeno: maniche in su, strumenti in mano, divisi in pattuglie e hanno letteralmente rivoltato da cima a fondo lo spazio. La pattuglia logistica ha curato la parte istituzionale e ha tenuto i contatti con le autorità; la pattuglia giardino ha domato l’irrequieto e disordinato verde del posto, riportandolo a una condizione di decoro ed ha piantato alcuni esemplari di corbezzolo. Un’altra pattuglia ha realizzato con pochissimi mezzi un campetto polifunzionale dotato di porte da calcetto e rete da pallavolo. I ragazzi hanno pensato anche a degli arredi per la piazzetta, cestini e panchine, riutilizzando materiali di scarto. Ognuno ha fatto del suo meglio, ognuno ha messo a disposizione i propri talenti affinché il risultato finale fosse all’altezza di un così alto obiettivo. Non a caso parliamo di un obiettivo alto: l’impresa è stata rivolta, sin dal principio, al più nobile degli obiettivi: il Bene Comune. Ora è compito di tutti custodire questo spazio; noi lo restituiamo certi di aver intrapreso il cammino verso la cittadinanza attiva. L’ambizione è quella di veder nascere, attorno a questa iniziativa, altre iniziative simili. Lequile ne ha bisogno, ne ha bisogno il mondo. Prendiamoci cura del Pianeta, perché è la nostra casa comune. Grazie all’AGESCI Zona Lecce Adriatica che in collaborazione con la Provincia di Lecce, tramite il progetto “Tuteliamo l’ambiente” ispirato all’enciclica LAUDATO SII di papa Francesco, ha permesso al gruppo Agesci Lequile 1, e ad altri 6 gruppi della zona di realizzare degli interventi finalizzati alla cura e alla salvaguardia dell’ambiente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *